Infiammazione del cervello vista per la prima volta nella fibromialgia

Per la prima volta, i ricercatori riferiscono di aver trovato infiammazione nel cervello dei pazienti con fibromialgia.

Daniel S. Albrecht, PhD, borsista post-dottorato presso il Dipartimento di Radiologia presso il Massachusetts General Hospital e la Harvard Medical School, Boston, e i suoi colleghi, si sono uniti a un gruppo di ricerca guidato da Anton Forsberg, PhD, Dipartimento di Neuroscienze Clinica presso l’Istituto Karolinska di Stoccolma, in Svezia, per espandere il potere statistico dello studio.

Sebbene esistessero già prove del fatto che l’infiammazione cerebrale può avere un ruolo nella fibromialgia, questa è stata la prima volta che la ricerca ha dimostrato la prova diretta dell’attivazione del glume cerebrale in un paziente con fibromialgia, una malattia cronica poco nota e difficile da gestire. provare.

I risultati sono stati pubblicati il ​​14 settembre 2018 sulla rivista  Brain, Behavior and Immunity  .

“L’attivazione delle cellule gliali, osservata nei nostri studi, rilascia mediatori infiammatori che ritengono responsabili della sensibilizzazione delle vie del dolore e del contributo a sintomi come l’affaticamento”, afferma il co-autore dello studio Marco Loggia, PhD in un comunicato stampa. . , dal Martinos Center for Biomedical Imaging, Massachusetts.

Questa evidenza può aprire la strada a nuovi trattamenti e confortare quei pazienti a cui è stato detto che i loro sintomi sono psicologici.

“Non ci sono buone opzioni terapeutiche per la fibromialgia, quindi trovare il potenziale bersaglio per il trattamento può portare allo sviluppo di terapie più efficaci e innovative. La presenza di cambiamenti neurochimici oggettivi nel cervello dei pazienti con fibromialgia dovrebbe aiutare a ridurre lo stigma che molti pazi enti affrontano, che i loro sintomi sono immaginari e che non c’è nulla di veramente sbagliato in loro “, afferma Marco Loggia.

Un gruppo di 31 pazienti che hanno soddisfatto i criteri per la diagnosi della fibromialgia da parte dell’American College of Rheumatology – ACR (29 donne, età media 50,7 ± 11 anni) e 27 controlli sani (25 donne, età media 49,4 ± 11 anni) sono stati sottoposti un PET / MRI (PET integrato e MRI) del cervello. Lo studio ha escluso i pazienti con dolore diverso dalla fibromialgia.

Usando i risultati dell’imaging, i ricercatori hanno trovato livelli più alti del marker gliale TSPO (una proteina traslocante) in varie regioni del cervello nei pazienti con fibromialgia rispetto ai controlli sani. Hanno anche scoperto che il grado di attivazione gliale era correlato al grado di affaticamento riportato.

Secondo gli autori, i dati trovati supportano una possibile strategia terapeutica.

La fibromialgia colpisce circa 4 milioni di adulti negli Stati Uniti. Stati Uniti, secondo il Center for Disease Control and Prevention.

Lo studio è stato supportato dall’Associazione internazionale per lo studio del dolore, dalla borsa di studio pilota del  Martinos Center for Postdoctoral Fellows  e  dall’Harvard Catalyst Advanced Imaging Pilot  . La parte svedese dello studio ha ricevuto finanziamenti dal Consiglio della Contea di Stoccolma, dal Consiglio svedese per la ricerca, dall’Associazione svedese per il reumatismo e dal Fibromyalgiförbundet. Lo studio è stato anche finanziato dal Settimo programma quadro dell’Unione Europea e da una sovvenzione della famiglia Lundblad

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *