Funghi medicinali per un trattamento efficace della fibromialgia

Sono disponibili molte ricerche che dimostrano che funghi o funghi rientrano in una categoria nota come basidiomiceti. I funghi si riproducono principalmente su tutti i tipi di materia organica e il loro scopo principale è di scomporre questo composto organico in materia utilizzabile e commestibile nota come polisaccaridi.

Questi funghi che si trovano nei funghi rientrano in 3 gruppi principali di composti chimici che sono responsabili di fornire numerose cure terapeutiche.

Complessi polisaccaridi-proteine – Questi composti hanno straordinarie qualità per rafforzare il sistema immunitario. Rientrano in questa categoria l’Echinacea, l’Aloe Vera, il Ginseng e l’Astragalo.

Triterpeni  – sono pieni di caratteristiche steroidee identiche al nostro sistema endocrino-ormonale. Composti triterpeni: funzionano come comunicatori ormonali per stabilizzare e alleviare innumerevoli problemi di origine endocrina.

Azoto – comprende composti che sono essenziali per un migliore funzionamento del nostro sistema nervoso e ti fa sentire energico. Sono paralleli ai mattoni del nostro materiale cellulare centrale di RNA.

Funghi medici per il trattamento di stanchezza cronica e fibromialgia

Diversi tipi di ricerca hanno iniziato ad esaminare le proprietà terapeutiche dei funghi e stanno iniziando a identificare che sono ricchi di incredibili proprietà benefiche per la salute. È stato dimostrato che una gamma di funghi migliora il sistema immunitario, difende dalle infezioni, allontana virus e batteri, diminuisce l’infiammazione, migliora la salute del cuore, diminuisce il rischio di cancro, stabilizza la glicemia e molto altro ancora.

I funghi Reishi  (Ganoderma Lucidum) sono funghi meravigliosi che forniscono sollievo dai sintomi della fibromialgia perché includono circa 200 elementi distintivi e dinamici accessibili da qualsiasi specie vegetale conosciuta. Ricorda sempre di consumare Reishi nella sua forma estratta poiché la sua forma legnosa è indigeribile. È una potente fonte di antiossidante con azione antimicrobica in grado di combattere microbi, malattie, rivitalizzare il sistema immunitario e confortare il sistema nervoso autonomo.

Perché i funghi Reishi sono considerati i più efficaci per la fibromialgia? Soprattutto per la sua capacità di curare i dolori muscolari, la sindrome dell’intestino irritabile (IBS), la colite, le ulcere, gli spasmi bronchiali e soprattutto fornisce un aiuto nella disintossicazione del fegato.

Cordyceps Sinensis  (Dong Chong Xia Cao) nome divertente non è vero? Finora non è considerato un fungo ben studiato, ma la ricerca sul cancro del Regno Unito ha raccomandato che sia forse utile nella cura di chi soffre di cancro, AIDS e disturbi immunitari. È costituito da vigorosi polisaccaridi e steroli e gli esami dimostrano che l’efficacia del Cordyceps Sinensis deriva forse dal suo potenziale di arricchimento dell’immunità cellulo-mediata e dalla sua capacità di distruggere l’ossigeno dei radicali liberi mentre gestisce i sistemi bioenergetici cellulari. Il suo potenziale per aumentare l’assorbimento di ossigeno lo rende davvero utile per i pazienti con asma, dolore bronchiale e ipersensibilità. Numerosi atleti lo usano nella loro routine alimentare quotidiana per esibirsi energicamente.

Cordyceps Sinensis agisce come rimedio per curare molti dei sintomi della fibromialgia come agitazione, irrequietezza, esaurimento, stanchezza. Ti fa anche sentire energico; migliora il sistema immunitario e aiuta la disintossicazione dei polmoni e dei linfonodi.

 Funghi Maitake (Grifola frondosa)- Sono ottimi fortificatori del sistema immunitario perché sono costituiti da polisaccaridi legati alle proteine. È stato dimostrato che rallenta la successione della grave malattia dell’AIDS in molti pazienti. I funghi Maitake presentano anche risultati promettenti nel trattamento dei tumori, riducono gli effetti collaterali della chemioterapia, abbassano la pressione sanguigna, armonizzano gli zuccheri nel sangue nei diabetici e riducono l’infiammazione delle articolazioni.

Funghi Shiitake  (Lentinus edodes) Nella ricerca, è stato trovato molto utile nel trattamento di infiammazioni, dermatiti, cirrosi epatica, sclerosi vascolare, pressione alta, colesterolo alto. Il Journal of Alternative and Complementary Medicine nel 2002 ha riferito che gli esaminatori giapponesi avevano verificato che i funghi Shitake hanno il potenziale per abbassare i livelli di colesterolo.

Altre ricerche hanno rivelato che consiste in caratteristiche antitumorali che ostacolano l’espansione di alcuni tipi di cancro; d’altra parte, ci sono altri esami che dimostrano che fornisce risultati preziosi nella cura della CFS e della fibromialgia.

Leave a Reply

Your email address will not be published.