Fibromialgia, spondilite anchilosante, più che solo artrite della colonna vertebrale

La spondilite anchilosante  (AS) è una  malattia infiammatoria cronica delle articolazioni della  colonna vertebrale e dell’articolazione sacroiliaca.  Le persone con AS possono anche avere infiammazioni ad altre articolazioni, come le  spalle o le ginocchia.   A volte le persone hanno sintomi anche in altri organi, come  gli occhi.
Variazioni dei sintomi I sintomi dell’AD il più delle volte iniziano nella prima età adulta. 
Questi sintomi non colpiscono tutti allo stesso modo. In altre parole,  alcune persone con AD hanno una malattia molto più lieve con un impatto minimo sulla loro vita quotidiana. 
Altri hanno sintomi molto più debilitanti.

Mentre i sintomi variano per tipo e gravità, possono variare anche in base al sesso. Le donne possono avere maggiori probabilità di provare  affaticamento e depressione  in relazione all’AD. Tuttavia, la ricerca sulle differenze di sesso è ancora relativamente recente e le persone di entrambi i sessi possono presentare uno qualsiasi dei sintomi dell’AD.

Sintomi comuni Anche se i sintomi variano per tipo e gravità, possono variare anche in base al sesso. 
In uno studio del 2011 in  Reumatologia clinica  , il dolore alla schiena è stato segnalato  come il principale problema di AD sia negli uomini che nelle donne.  Ma le  donne con AD  avevano maggiori probabilità di avere  dolore al collo, al ginocchio o all’anca,  mentre gli  uomini avevano maggiori probabilità di avere dolore ai piedi.

Lombalgia Il sintomo più comune dell’AD è la lombalgia e la rigidità, causate dall’infiammazione delle articolazioni della colonna vertebrale (vertebre). Per questo motivo, a volte viene chiamato “mal di schiena infiammatorio”. Il mal di schiena infiammatorio dell’AD ha caratteristiche distinte. 
Queste caratteristiche aiutano i medici a differenziarlo dal mal di schiena meccanico, che è molto più comune. 

Il mal di schiena infiammatorio è spesso caratterizzato da:           • cronico, che dura tre mesi o più
  • insorge quando una persona ha meno di 40 anni
  • progredisce lentamente nel corso di settimane o mesi
  • migliora con l’esercizio e non migliora con riposare o sdraiarsi
  • peggiorare la notte (anche svegliare la persona)
  • migliorare con un farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS) La qualità del dolore nell’AD può anche essere utile per distinguerlo dal mal di schiena meccanico. 
Ad esempio,  una persona con AD descriverà generalmente il proprio mal di schiena come sordo e “ovunque”,

 anche se a  volte il dolore si irradia alla regione glutea. La durata della rigidità della schiena può essere un indizio per identificare il mal di schiena infiammatorio. 
La rigidità della schiena nell’EA dura generalmente più di 30 minuti al risveglio al mattino e migliora con l’esercizio. La rigidità della schiena dovuta  all’osteoartrosi  (una forma non infiammatoria di artrite) dura meno di 30 minuti. Il mal di schiena nell’AD può diventare piuttosto invalidante e tende ad espandersi nel tempo. Quindi, anche se il dolore EA  può iniziare su un lato della 
schiena, alla fine si sposta su entrambi i lati. 

Il dolore può risalire lungo la colonna vertebrale e persino nel 
collo.

One thought on “Fibromialgia, spondilite anchilosante, più che solo artrite della colonna vertebrale

  1. Definitely consider that that you stated. Your favorite justification appeared to be on the internet the simplest factor to keep in mind of.

    I say to you, I certainly get irked even as other folks think about concerns that they just don’t recognize about.
    You controlled to hit the nail upon the top and also
    outlined out the whole thing without having side effect , people can take a signal.
    Will probably be back to get more. Thanks

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *