Fibromialgia, quel grande sconosciuto

Negli ultimi anni, la fibromialgia ha acquisito forza e importanza. È senza dubbio un disturbo molto socialmente punito e un grande sconosciuto. Pensare che il 2% della popolazione spagnola ne soffra è tenerne conto e analizzare in profondità questo disturbo

Fibromialgia, quel grande sconosciuto -

Fibromialgia, quel grande sconosciuto –

La fibromialgia è un disturbo caratterizzato da dolore muscoloscheletrico generalizzato accompagnato da affaticamento e problemi di sonno, memoria e umore. I ricercatori ritengono che la fibromialgia amplifichi le sensazioni di dolore influenzando il modo in cui il cervello elabora i segnali del dolore.
È una malattia cronica e, quindi, persisterà per tutta la vita del paziente. Nel corso di questo disturbo, l’evoluzione dei sintomi può migliorare o peggiorare a seconda dei casi. I sintomi a volte iniziano dopo un trauma fisico, un intervento chirurgico, un’infezione o uno stress psicologico significativo.
In altri casi, i sintomi si accumulano gradualmente nel tempo, senza un evento scatenante. La popolazione femminile è più incline alla fibromialgia rispetto a quella maschile. Molte persone con questa condizione soffrono anche di cefalea tensiva, disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare, sindrome dell’intestino irritabile, ansia e depressione.
Sebbene non esista una cura, esistono diversi farmaci che possono aiutare a controllare i sintomi. Anche l’esercizio, il rilassamento e le misure per ridurre lo stress possono aiutare.

I TUOI SINTOMI

Alcuni dei sintomi più comuni di questa malattia:


Dolore diffuso Il dolore associato alla fibromialgia è spesso descritto come un dolore lieve, fastidioso e costante che dura per almeno tre mesi. Per essere considerato generalizzato, il dolore deve essere su entrambi i lati del corpo e sopra e sotto la vita. 

• Stanchezza.
Le persone con fibromialgia spesso si svegliano stanche, anche se riferiscono di dormire molto. Il sonno è spesso interrotto dal dolore e molti pazienti con fibromialgia hanno altri disturbi del sonno, come la sindrome delle gambe senza riposo e l’apnea notturna.

• Difficoltà cognitive
Un sintomo comunemente chiamato “nebbia fibro” ostacola la capacità di concentrazione, attenzione e concentrazione mentale. La fibromialgia spesso coesiste con altre condizioni dolorose, come le seguenti:

• Sindrome dell’intestino irritabile

• Emicrania e altri tipi di mal di testa

• Cistite interstiziale

• Disturbi dell’articolazione temporomandibolare

LE CAUSE

I medici non sanno cosa causa la fibromialgia, ma molto probabilmente è correlata a diversi fattori che lavorano insieme. Questi potrebbero essere: 

• Genetica
Poiché la fibromialgia tende a manifestarsi nelle famiglie, potrebbero esserci alcune mutazioni genetiche che potrebbero renderti più vulnerabile a questo disturbo. 

• Infezioni
Alcune malattie sembrano causare o aggravare la fibromialgia.

• Trauma fisico o emotivo La
fibromialgia può talvolta essere innescata da un trauma fisico, come un incidente d’auto.
Anche lo stress psicologico può scatenare la condizione.

LA DIAGNOSI

La diagnosi viene fatta attraverso l’esame clinico del paziente e dall’esistenza di diversi sintomi, come dolore, rigidità o disturbi del sonno, senza una spiegazione alternativa che giustifichi che si tratta di un’altra malattia.
Il risultato dell’esame obiettivo generale è solitamente normale e attualmente non esistono esami di diagnostica per immagini o di laboratorio per confermare la diagnosi, sebbene i test possano aiutare a escludere altre condizioni come il lupus, l’ipotiroidismo o l’artrite reumatoide.
La diagnosi differenziale è generalmente confermata quando, all’esame, gli specialisti rilevano una serie di punti, chiamati punti dolenti da pressione, che si trovano in varie zone muscolari del corpo, principalmente intorno al collo, gomito, ginocchia e bacino.

FATTORI DI RISCHIO

• Genere
È più comune nelle donne che negli uomini. 

• Storia familiare
Potrebbe essere più probabile che tu abbia la fibromialgia se anche un membro della famiglia ha la malattia. 

• Altri disturbi
Se soffri di artrosi, artrite reumatoide o lupus, potresti essere più incline alla fibromialgia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *